lampade da tavolo realizzate con strettoi in ferro design alessandro marelli
lampade da tavolo realizzate con strettoi in ferro design alessandro marelli
lampade da tavolo realizzate con strettoi in ferro design alessandro marelli
lampade da tavolo realizzate con strettoi in ferro design alessandro marelli
lampade da tavolo realizzate con strettoi in ferro design alessandro marelli
lampade da tavolo realizzate con strettoi in ferro design alessandro marelli
lampade da tavolo realizzate con strettoi in ferro design alessandro marelli
lampade da tavolo realizzate con strettoi in ferro design alessandro marelli

STRINGIMI

Lampade da tavolo realizzate con strettoi in ferro.

Lampade da tavolo realizzate con strettoi in ferro. Stringimi è un ready-made rettificato. Un omaggio alla “morsa” come oggetto principe del collegamento utilizzato in molteplici lavorazioni. E’ una metafora dell’aiuto dato all’unione. Strumento da lavoro, dalle innate qualità formali, decontestualizzato ad oggetto domestico.

Il design autoprodotto condensa in sé almeno tre realtà:
il progettista
l’artigiano
il distributore (e promotore)

Il risultato è la realizzazione fisica da parte del progettista (prettamente in prima persona, ma anche con l’aiuto di artigiani) di un manufatto a bassa complessità tecnica, utilizzando componenti di recupero, standard o di basso costo, assemblati con limitate trasformazioni.

Queste scelte sono pressoché obbligate da due fattori:
La quantità di oggetti prodotta (bassa)
La capacità di distribuzione (minima)

I costi di produzione, nel nostro caso, sono dati principalmente dal costo del lavoro, dai materiali e dalla quantità della serie. Se questi fossero troppo elevati (escluso quantità della serie), andrebbero a incidere negativamente sulle possibilità di vendita al pubblico, dato che un progettista che autoproduce generalmente non ha un brand forte, quindi non ha la forza necessaria per imporsi sul mercato. Ulteriore elemento da considerare è la distribuzione; teoricamente diventerebbe gestibile attraverso il web in cui c’è un potenziale di visibilità elevato e capillare che tuttavia molto spesso si traduce in una goccia nel mare della rete.
Nonostante questo approccio, che può sembrare negativo, credo che l’autoproduzione, se così intesa, sia una formidabile palestra per poter sviluppare sinceramente la propria poetica progettuale, dando la possibilità di entrare fisicamente nel mondo della produzione (anche se non industriale) per poter affrontare con più coscienza il progetto nel senso più ampio del termine.

  • /

Leave A Comment

Your email address will not be published.

3 × 1 =